Vengono Solitamente Inseriti Cesti In Vimini Di Colore Neutro
Arredamento / 16 agosto 2017

Coloro che decidono di arredare la loro casa in stile etnico non possono ovviamente esimersi dallo scegliere lo stesso stile di arredamento anche per il bagno. Tra i mobili dell’arredamento etnico per il bagno più diffusi vi sono i mobili realizzati in legno e in particolar modo i mobili realizzati in teak. I mobili di questa tipologia vengono utilizzati soprattutto per la zona del rubinetto che può essere posato sopra di essi oppure incassato in essi. I mobili per il bagno realizzati in teak sono da consigliarsi perchè sono impermeabili in modo naturale grazie al rivestimento in resina che possiedono. Gli altri mobili non sono naturalmente impermeabili ma vengono comunque trattati in modo da diventarlo attraverso apposite laccature o appositi rivestimenti. Alcuni mobili per il bagno in stile etnico possiedono nella zona inferiore delle ante che nascondono degli spazi contenitivi eccellenti per la zona bagno. Queste ante sono spesso rivestite in bambù o in altre fibre intrecciate per offrire ai mobili in stile etnico un calore ancora maggiore. I mobili da lavandino che abbiamo appena descritto si accompagnano nello stile di arredamento etnico solitamente anche ad altri mobiletti realizzati nella stessa identica fattura ma indipendenti da quello appena descritto. Si…

Per Illuminare I Punti Più Bui
Arredamento / 16 agosto 2017

Per gli spazi ridotti, arredare una mansarda può sembrare una sfida difficile da vincere. In realtà, un appartamento mansardato gode di uno spazio davvero unico, dall’atmosfera parigina molto romantica. A contraddistinguere questo spazio è sicuramente il tetto a spiovente che se da una parte è l’elemento più affascinate dall’altro limita un po’ le zone e nella maggior parte dei casi obbliga a scegliere armadi per mansarde su misura. Prima di pensare agli spazi e a come arredare una mansarda bisogna definire il colore delle pareti. I toni più consigliati restano quelli chiari in quanto danno luce all’ambiente e danno un effetto visivo di maggiore ampiezza. Per le pareti possono anche scegliere motivi verticali così da fa sembrare le pareti più alte. Le mansarde arredate seguendo precisi stili hanno un fascino sicuramente maggiore. Mansarda arredamento contemporaneo: linee insolite ed elementi naturali contraddistinguono una mansarda arredata in uno stile contemporaneo. Scegliete legno, pietra e metallo. Le sedie da ufficio di design sono il complemento d’arredo irrinunciabile per che desidera un tocco di stile nell’ambiente lavorativo, senza rinunciare al comfort e alla funzionalità. Registrati gratuitamente: ogni giorno online tantissime proposte di mobili e accessori per arredare la tua casa con stile. Lasciati ispirare…

Bonus Famiglie Numerose
Infanzia / 16 agosto 2017

Si tratta del bonus da 500 euro varato con la scorsa legge di Stabilità, ma diventato accessibile quasi un anno dopo. L’importo è rivalutato ogni anno sulla base della variazione dell’indice Istat. E’ ottenibile il rimborso annuale pari all’importo relativo a 20 metri cubi/annui di acqua per ciascun componente del nucleo familiare (calcolato applicando la tariffa base del servizio usufruito). L’assegno è concesso a partire dalla nascita del bambino o dall’ingresso nel nucleo famigliare fino al compimento dei 3 anni.. Per ottenere il bonus bisogna prima presentare la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), documento che contiene informazioni anagrafiche e sul reddito, con la quale si calcola l’indicatore Isee sociosanitario del nucleo familiare. Per richiedere questo nuovo bonus famiglia bisogna recarsi ad un patronato o inviare richiesta online direttamente all’Inps. Prima di vedere nel dettaglio le istruzioni per inoltrare la richiesta, facciamo un ripasso su chi può beneficiare di questa misura. Le lavoratrici part-time potranno fruire del contributo in misura riproporzionata in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa. Si tratta di un contributo pari a 600 euro mensili riconosciuti per un massimo di 6 mesi, che scendono a 3 mesi per le lavoratrici autonome e libere professioniste iscritte alla gestione separata…