Asilo Nido, Maestre Laureate E Bonus Da 150 Euro Per Le Famiglie

I beneficiari lamentano un iter per la richiesta troppo complesso, un importo dei bonus inadeguato rispetto ai consumi e informazioni difficilmente disponibili. Detrazione sulle spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale per un importo non superiore a 250 euro. In ogni caso essa non puo’ superare i 75.000 euro. Il beneficio decade non solo se vengono meno i requisiti economici, ma anche in caso di revoca dell’adozione, decadenza della responsabilità genitoriale, affidamento del figlio ad altre persone, affidamento esclusivo al genitore che non ha presentato la domanda. Se vuoi scoprire quali requisiti occorre soddisfare e soprattutto cosa fare per presentare istanza di accesso al bonus, non hai che da leggere “Bonus mamma domani al via: ecco come fare domanda”. DESCRIZIONE DEL PROCESSO L’attività di compilazione della Domanda di Bonus Infanzia verrà facilitata mediante l’impostazione automatica di alcune informazioni che il servizio può reperire in modo autonomo negli archivi informatici dell’istituto. I genitori con un ISEE inferiore ai 25mila euro potranno richiedere il bonus da 80 euro al mese per i figli nati nel triennio 2015/2017. Bisogna presentare la domanda all’Inps entro 90 giorni dalla nascita del bambino.

Asili nido, corsa delle famiglie al bonus da 1000 euro ...Il bonus da 80 euro «al di là di Eurostat che lo classifica come una spesa, è nei fatti una riduzione dell’Irpef, ossia dell’imposta sui redditi delle persone fisiche. In pratica quindi i buoni devono comunque essere acquistati, e il bonus consiste in uno sconto che varia, a seconda dei casi, dal 20 al 45% (quest’ultimo riservato alle famiglie con reddito piu’ basso rispetto al numero dei componenti). I contributi alle famiglie in questo caso, sono diversi da Comune a Comune. Rivolgersi al Comune di residenza per chiedere se sono in vigore delle agevolazioni. Gli interessati, quindi, devono rivolgersi al proprio comune. Il ministero delle Finanze invierà a casa dei potenziali interessati il modello da compilare e consegnare presso gli uffici postali abilitati, oltre al modulo, l’attestazione dell’Indicatore Situazione Economica Equivalente (ISEE) ed un documento di identità. ISEE inferiore ad 8.500 euro. Infatti, la misura sarebbe proprio legata al reddito e all’attestazione Isee.

E’ partita questa settimana la fase di presentazione delle domande per ottenere il “bonus famiglia”,il contributo una tantum che la Regione Lombardia ha deciso di stanziare in favore delle famiglie a basso reddito che hanno almeno tre figli minorenni. Si chiama Reddito di Inclusione (REI) e sarà operativa solo a partire dal 1° Gennaio 2018. Si tratta di una nuova prestazione di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Il bonus genitori Inps 2018 altro non è che un inventivo che spetta ai datori di lavoro. Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Bonus Infanzia’, un contributo per il pagamento delle rette dei nidi pubblici e privati fino a un massimo di 1.000 euro annui che, anche in questo caso, sarà versato dall’Inps. Per il momento la cifra destinata ai buoni vacanza ammonta a 5 milioni di euro. Poi il prestito ottenuto, fino a un massimo di 5 mila euro andrà restituito a un tasso fisso del 4,8%, pari alla metà di quello applicato in genere dalle banche.

Lo sconto in bolletta è applicato non prima di due mesi dalla presentazione della richiesta di ammissione. E’ stato introdotto recentemente uno sconto sulla bolletta per garantire alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio sulla spesa per l’energia elettrica. Nuovo bonus per le famiglie povere con bambini a carico 2016? Possono richiedere il bonus le famiglie con parti trigemellari che potranno essere beneficiarie di € 900,00 e le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro, che potranno ricevere un bonus di € 125,00 a figlio. Un bonus idrico a disposizione dei comuni da destinare alle famiglie in difficoltà economiche che faticano a pagare le bollette dell’acqua. Ma quante famiglie riescono effettivamente a beneficiare di tali sussidi? Qualora la rinuncia avvenga in un periodo successivo al ritiro dei voucher, i voucher non ancora fruiti potranno essere restituiti alla sede provinciale INPS presso la quale sono stati ritirati, che provvederà al loro annullamento.

Importante segnalare che nel calcolo dell’ISEE può essere fatta valere una maggiorazione di 0.5 per ogni componente con disabilità grave di cui all’art. Quest’agevolazione consente un risparmio pari a circa il 20% della spesa annua presunta (al netto delle imposte) per una famiglia tipo. I contributi verranno concessi sino ad esaurimento delle risorse individuate. Per il primo anno, le risorse a disposizione ammonterebbero ad almeno 400 milioni e proprio in base all’ammontare delle coperture si deciderà la soglia di reddito, ancora in via di definizione, entro cui garantire il bonus. Bonus per chi è sotto la soglia di povertà? Alla fine del congedo di maternità e negli undici mesi seguenti è possibile chiedere un voucher per pagare una baby sitter che si occupi del bambino in assenza dei genitori o la retta dell’asilo nido. Le educatrici degli asili nido devono quindi avere una laurea triennale mentre fino a oggi è stato sufficiente avere un diploma come puericultrice mentre per insegnare nella scuola dell’infanzia si dovrà avere una laurea magistrale per la specializzazione nel settore. Sono infatti numerose le variabili alle condizioni lavorative delle donne interessate, come pure nelle strutture che si occupano dei servizi per l’infanzia.