‘Bonus Da 80 Euro Alle Famiglie Con Figli’

La Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni dovrebbe pubblicare un secondo decreto riguardante le modalità con cui verranno distribuiti i bonus vacanza. Il Decreto attuativo fissa i tassi massimi a seconda del tipo di mutuo (vedi testo nelle fonti normative). L’assegno sarà di 150 euro, o 100 a seconda dell’età, per ogni figlio a carico e come per gli altri bonus, c’è un tetto massimo di ISEE. Con le circolari 39 del 27 Febbraio e 61 del 16 Marzo 2017, l’INPS ha chiarito i requisiti, i termini e le modalità per la presentazione delle domande. Dentista sociale 2017, si tratta di un’agevolazione che spetta a chi ha un basso reddito ISEE, inferiore a 8.000 euro, a chi ha l’esenzione dal ticket sanitario e alle donne in gravidanza. Si ricorda inoltre che in Puglia dal 26 luglio è possibile fare domanda per il ReD: un’altra misura economica destinata a famiglie con Isee basso.

Si chiama contributo infanzia ed è un contributo pensato per le mamme lavoratrici che hanno bisogno di usufruire di servizi per l’infanzia. Il contributo statale può essere utilizzato per il pagamento di parte della tariffa di frequenza al nido comunale Bim Bum Bam, regolarmente operante nella spaziosa e colorata struttura di via Oristano. A favore delle famiglie numerose è previsto un contributo di 500 euro per i nuclei con 4 figli o più. In analogia a quanto già accade per i settori dell’energia elettrica e del gas, A2A Ciclo Idrico affiderà ai soggetti istituzionali che attuano le politiche sociali sul territorio la gestione dell’accesso al Bonus. Inps (Istituto nazionale di previdenza sociale) ha definitivamente avviato la procedura per l’assegnazione del cosiddetto bonus famiglie numerose. Per recuperare le risorse destinate al bonus (384 milioni di euro) è prevista l’introduzione di una nuova componente tariffaria (denominata As) che verrà applicata alle utenze domestiche e non escluse quelle destinatarie dell’agevolazione. Dal testo della nuova legge di Stabilità si evince che i fondi stanziati serviranno ad aumentare le detrazioni per le famiglie numerose dando la precedenza i nuclei familiari monoreddito. Da segnalare che se il requisito della presenza di quattro figli minori è stato soddisfatto solo per parte dell’anno 2015 (ad es.

Il nuovo aiuto alle famiglie povere con minori a carico è stato introdotto con la Legge di Stabilità 2016, come misura a sostegno di quasi 2,5 milioni di bambini e 6 milioni di famiglie che vivono sotto la soglia povertà. INPS, rivolto alle famiglie che hanno figli minori e che dispongono di patrimoni e redditi limitati. L’aumento del livello Isee, sottolinea l’Autorità, è valido anche per l’accesso al Bonus gas, mentre per entrambi rimane immutata la soglia massima di Isee a 20.000 euro per le famiglie con almeno 4 figli a carico. Bonus libri: si tratta di un’agevolazione per l’acquisto del materiale scolastico e di libri. Dunque, il bonus potrà essere richiesto da tutte le famiglie con figli. Renzi ha parlato del bonus da 80 euro, che “non va cancellato”, bensì esteso “alle famiglie che hanno figli”. A volte quindi, è molto difficile sapersi orientare e soprattutto venire a conoscenza di alcuni diritti e prestazioni che lo Stato garantisce a sostegno del reddito delle famiglie più disagiate o comunque con più esigenze.

Nessun componente della famiglia beneficiaria, deve percepire indennità a sostegno al reddito per i disoccupati come la NASPI o ASDI. L’importo stanziato in Legge di Stabilità 2015 era di 45 milioni di euro per l’anno 2015, «al fine di contribuire alle spese per il mantenimento dei figli, il riconoscimento di buoni per l’acquisto di beni e servizi». L’assegno non viene più erogato a partire dal momento in cui uno dei tre figli raggiunge la maggiore età. Comunque sono in base al modello ISEE e riguardano le bollette di luce, acqua, gas, elettricità, canone RAI e vanno dal numero di residenti, al reddito complessivo, fino a toccare altri fattori. Però – prosegue – ad agosto il Consiglio regionale ha approvato la legge che istituisce il reddito d’inclusione sociale e, per darle copertura finanziaria, sono stati trasferiti proprio quei trenta milioni. Proprio per questo il Governo ha promosso una serie di agevolazioni rivolte ai contribuenti in difficoltà. Va notato che le richieste sono più basse proprio nelle aree dove la popolazione è più indigente e meno istruita. Nel caso dell’esempio, lo stato di famiglia di fine anno 2014. Il proprio Comune, esaminata l’istanza, concede il beneficio ed è autorizzato a svolgere controlli sulle attestazioni e in caso d’irregolarità anche revocare il bonus.

L. 104/92 e nel caso vi siano familiari fiscalmente a carico. Nel caso in cui la richiedente voglia recuperare la domanda in bozza, il sistema ricaricherà le pagine con i dati precedentemente acquisiti. Il Bonus Bebè è stato sì prorogato, ma vedrà delle modifiche a partire dal 2019. Questo bonus diventa una misura definitiva e i nati nel corso del 2018 potranno ricevere un assegno di 80 euro al mese. Inoltre, il mutuo deve essere stato dichiarato “in corso di ammortamento” almeno un anno prima della presentazione della richiesta. La norma, inoltre, non reca definizioni o restrizioni circa il concetto di handicap. La tua prima VPS? Il requisito da rispettare per ottenere il Bonus Bebè è sempre la soglia Isee non superiore ai 25mila euro. La discussione sul bonus bebè e sulle misure previste per la famiglia all’interno della manovra continua. Passa dunque il maxiemendamento dell’esecutivo, che comunque ricalca in tutto e per tutto il testo così come uscito dal vaglio delle commissioni Bilancio e Finanze. Il sito dell’INPS ha messo a disposizione delle istruzioni che vi aiuteranno nella compilazione, che potrete trovare a questo link.