Manuale D Uso Per L Utilizzo Delle Funzionalità Di Acquisizione Delle Domande Di Bonus Infanzia

La famiglia infatti, per rientrare tra le categorie alle quali spetta il bonus, dovrà essere composta da almeno 3 figli che devono risultare a carico del richiedente. Per ciascuna tranche gli interessati dovranno compilare un modulo che potrà essere reperito presso gli uffici della Pubblica Istruzione e sul sito internet del comune di Alessandria, www.comune.alessandria.it. La domanda deve essere presentata presso il Comune di residenza entro il 31 gennaio utilizzando uno di questi fac simile di richiesta. L’iniziativa è stata presentata ieri da A2A insieme alle Associazioni dei Consumatori, alla presenza del presidente del consiglio di amministrazione dell’Ente di Governo d’Ambito, dei rappresentanti dei Comuni serviti e dei Caf. La domanda può essere presentata al datore di lavoro utilizzando questo modulo oppure all’ Agenzia delle Entrate utilizzando questo modulo. In questo articolo vogliamo dedicarci a parlare delle novità legislative introdotte in questo 2016, che riguardano soprattutto i nuclei familiari italiani.

Il bonus famiglia rientra nel Programma di interventi economici straordinari a sostegno delle famiglie con parti trigemellari e con numero di figli pari o superiore a 4 definito con DGR n. La misura intera dell’assegno sarebbe poi spettata per intero per i redditi ISEE fino alla soglia decrescendo progressivamente per i redditi più alti con la possibilità però di aumentare l’importo del bonus, in base al numero dei figli. Pubblicata la circolare numero 2/E ‘Bonus straordinario per famiglie, lavoratori, pensionati e non autosufficienti – Art. Come anticipato prima l’assegno sarà di 150 euro, o 100 a seconda dell’età, per ogni figlio a carico e come per ogni altro bonus, c’è un tetto massimo di ISEE. Per le donne non lavoratrici in gravidanza, c’è invece il cd. C’è tempo fino alla fine dell’anno, ma in caso di richieste eccedenti i 144 milioni a disposizione farà fede la data di presentazione della richiesta.

Tutte le richieste possono essere presentate autonomamente presso gli uffici Inps, per via telematica o avvalendosi dell’ausilio di un intermediario abilitato, un patronato o un CAF. Grazie alla carta acquisiti 2017, le persone beneficiarie, possono utilizzare il contributo di 40 euro al mese, 80 euro a bimestre, per acquistare la spesa alimentare, sanitaria, pagare le bollette di luce e gas. Un grazie a tutti i parlamentari che in queste ore hanno proposto emendamenti correttivi per una legge di stabilità che aveva dimenticato le famiglie. Attivo ormai da Marzo 2014 anche il “Plafond casa”, un fondo destinato ai mutui fruibile grazie ad accordi tra l’ABI e la Cassa depositi e prestiti , con agevolazioni non predeterminate ma lasciate alla discrezione di ogni banca aderente. Noto come bonus cicogna 2017, tale contributo è assegnato per concorso ai dipendenti del Gruppo Poste Italiane Spa, della Gestione Fondo IPOST, o per i pensionati già dipendenti del Gruppo Poste Italiane Spa e ex IPOST.

Per il 2016, BrianzAcque, gestore unico del servizio idrico integrato sul territorio provinciale, ha messo a disposizione complessivamente 1,8 milioni di euro. La fornitura di acqua è gestita localmente (dai vari gestori del servizio idrico che fanno capo all’autorità idrica regionale) e conseguentemente gli eventuali bonus dedicati alle famiglie a basso reddito sono decisi allo stesso modo, dalle Autorità locali. E’ ottenibile il rimborso annuale pari all’importo relativo a 20 metri cubi/annui di acqua per ciascun componente del nucleo familiare (calcolato applicando la tariffa base del servizio usufruito). L’assegno non può essere richiesto invece, se uno dei tre figli, pur risultando componente della famiglia all’anagrafe, in realtà sia stato dato in affidamento ad altri. In generale, le pagine per l acquisizione dei dati relative alle varie aree presentano i seguenti pulsanti: Indietro: apre la pagina precedente, secondo la sequenza standard. Giornali e TV nei giorni scorsi hanno dato ampio risalto alla conferenza stampa in cui il Governo ha annunciato misure anticrisi e, in particolare, il bonus straordinario per le famiglie meno abbienti. Nel frattempo, è stato anche annunciato l’avvio da parte dell’Inps della procedura telematica per la richiesta del “voucher maternità” per le neo-mamme che rientrano al lavoro. Per informazioni dettagliate e per scaricare la modulistica: clicca qui.