Meloni: “Attenzione Genitori, I Bonus Infanzia Nascondono Fregatura”. Ap: “Malafede”

bonus : your fan-art!

Quando l’agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei cittadini il modulo, sarà possibile consegnare la domanda al proprio datore di lavoro (tecnicamente: il sostituto d’imposta) oppure, nel caso di pensionati, all’Inps o agli altri enti previdenziali. L’utilizzo del fondo deve comunque portare un miglioramento delle condizioni finanziarie del mutuo rispetto a quelle “standard” applicate ai mutui dello stesso tipo. Ikea Corsico licenzia madre per non rispetto turni. Esenzione canone RAI 2017: sono previste esenzioni dal pagamento del canone per chi ha più di 75 anni con reddito ISEE fino a 6.713,98 euro. In particolar modo, la posizione occupata in graduatoria sarà tanto più alta, quanto più ridotto sarà l’importo riportato nel campo reddito Isee. Il bonus, pari al 15% delle rete versate, sarà erogato in tre tranche (per il periodo ‘gennaio – aprile’, ‘maggio -luglio’ e ‘settembre – dicembre’ 2017) alle famiglie che rientrano nelle fasce di reddito ISEE da 0.00 a 30.000 euro. Se all’interno della famiglia con tre gemelli sono presenti altri figli, la famiglia potrà beneficiare solo di una delle due diverse forme di contributo. La Legge di Stabilità ha pensato anche a un contributo per le famiglie numerose: mille euro in buoni acquisto per beni e servizi destinati ai bambini.

La proposta di modifica prevede che nella legge di stabilità 2015 ”saranno prioritariamente previsti interventi di natura fiscale che privilegino, in particolare, le famiglie monoreddito con almeno due o più figli a carico”. Accordo quadro ABI/Min.Finanze 25/3/09 (sottoscritto nell’ambito della sottoscrizione degli strumenti finanziari previsti dall’art.12 DL 185/08, i cosiddetti “Tremonti Bond”) e accordo ABI/CNCU del 18/12/09, rinnovato, in ultimo, il 31/1/2012 con proroga dei termini (vedi comunicato ufficiale). A sostenerlo è la ricerca Ipsos “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi”, realizzata da Save the Children in partnership con Centro sportivo italiano e Unione italiana sport per tutti. Il “Bonus Bebè 2014 Fondo di Credito per i nuovi nati 2013” permette di chiedere un prestito fino a 5.000 euro per ogni nuovo nato da restituire alla banca entro 5 anni con rate mensili a tassi agevolati. Come dicevamo, 50 senatori del PD hanno già depositato un DDL in Senato, che prevede di erogare 150 euro a tutte le famiglie con un figlio a carico fino a 18 anni. Il tesoretto da 55 mila euro riuscirà a soddisfare il bisogno di 400 ragazzi. L’agevolazione – per la quale il Governo ha stanziato in tutto 45 milioni di euro – verrà quindi riconosciuta direttamente dall’Istituto di previdenza senza bisogno di altre richieste.

Assegni Familiari per il nucleo Familiare. Se siete genitori di almeno tre figli – non maggiorenni – sarete sicuramente interessati all’assegno al nucleo familiare, specialmente alle modalità con le quali fare la richiesta. Doveva essere concessa a una delle tre società che avevano partecipato all’appalto per gestire il servizio, poi si è aperto un contenzioso. La domanda per ottenere l’assegno di maternità deve essere presentata entro 6 mesi dalla nascita del bambino o dal suo effettivo ingresso in famiglia, presentando questo modulo all’Inps di competenza. Chiediamo al sindaco ed a quanti di competenza di conoscere le motivazioni di quanto esposto”. Ora «siamo nel mezzo del treno della crescita europea, ma in un paio d’anni saremo in testa». Quali sono i requisiti carta acquisiti? Inps bonus disoccupati: requisiti e procedure Inps bonus disoccupati: cos’è? Le affermazioni di Giorgia Meloni sul bonus infanzia dimostrano malafede o che non capisce proprio nulla di quello di cui parla.

Ma per chi volesse utilizzare il denaro in una fase successiva, nessun problema: l’importante è che il bonus sia chiesto entro un anno dalla nascita del bimbo. Ma vorrei che ci rendessimo conto che stiamo continuando a parlare di decimali, dal 2% a 2,4%». Per cui, sostiene il deputato Pd, «non so se basterà a portarci fuori dalla crisi. Per questo motivo il governo ha pensato bene di correre in aiuto di queste mamme. Sarebbe questa l’ultima ipotesi allo studio del governo per sostenere le famiglie. Il Nostro consiglio é sempre lo stesso: affidate la contabilità di tutte le Vostre tasse ad uno studio commercialista. Anche qui, priorità alle giovani coppie, ai nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile e alle famiglie numerose. La detrazione è ammessa anche se le spese sono sostenute nell’interesse dei familiari a carico. Sconti anche sulle somme erogate o rimborsate:1. Consente di usufruire di sconti su acquisti di beni e servizi e riduzioni tariffarie su servizi pubblici.

Attenzione, però, i mille euro si ottengono solo se il piccolo resta iscritto al nido tutto l’anno, altrimenti il bonus spetta in quota parte. Gli ultimi chiarimenti dell’Inps sulla materia spaziano dai casi di disoccupazione della madre fino ad una possibile restituzione del bonus.Disoccupazione. Si tratta di un aiuto non indifferente alle famiglie e di un piano di aiuti con bando triennale”. L’assegno spetta a decorrere dal mese di nascita o di ingresso in famiglia del figlio adottato. Le nuove misure che sono state erogate a partire dal 1 gennaio “non prevedono limitazioni di reddito e sono state introdotte in maniera strutturale e definitiva“, ha detto il ministro agli Affari regionali con delega alla Famiglia, Enrico Costa. Non è vero che sono finiti i soldi. Io non sono più coordinatore ma le comunicazioni più importanti ve le giro sempre. La proposta di modifica prevede la sospensione fino al 31 dicembre 2018 dei mutui su immobili residenziali, commerciali e industriali resi inagibili dal sisma. Il beneficio spetta ai genitori di bambini nati o adottati dal 1 gennaio 2016. Non è previsto alcun limite di reddito massimo, quindi non occorre richiedere la dichiarazione Isee. Quello che sostiene l’Istat – dice Brambilla – è difficile da dimostrare, perché bisognerebbe incrociare i codici fiscali dei contribuenti.